Creta di Rio Secco 2020 restart!!!

Sono passati sei anni dall’ultima ‘escursione’ in zona… un campo speleo che è durato 3 giorni causa maltempo!!!! Questo giro colgo l’occasione di salire sull’altopiano carsico della Creta di Rio Secco per iniziare a targhettare le cavità che avevamo trovato durante gli anni di peregrinazioni in queste zone, ne approfitterei pure per riguardare qui e la con calma ed eventualmente programmare qualche weekend per rilevare tutti i pozzetti tralasciati in passato (e sono veramente TANTI!!)! Spargo la voce in gruppo e trovo due validissimi compagni di avventura…Mimmo e Fede… tutti e due nuovi alla CRS!

Partenza quindi alle 7 di domenica 28 Giugno, strada facendo ‘decanto’ ai due le meraviglie del posto … forse mossi da compassione per i miei racconti ‘retrò’ mi offrono un caffè con brioche a Pontebba pur di farmi star zitto, da li  partiamo per Passo Pramollo da dove proseguiremo per Tropolach e infine saliremo verso la Rudnig Alm dove lasceremo l’auto e tramite una camminata di circa un’oretta e mezza dovremmo raggiungere il pozzo RS13, prima visita e ‘Targhetta’ della giornata.

Il cielo è terso e la giornata si preannuncia calda, Mimmo dice che il meteo dà pioggia per le 14 …Fede smentisce … in ogni caso non ce ne frega più che tanto e soffermandosi diverse volte ad ammirare il panorama, pian piano arriviamo alla nostra meta. Il potente tappo di neve è subito visibile… quindi la speranza di trovare nuove prosecuzioni svanisce… targhettiamo il buco e proseguiamo verso ARS49 dove ripetiamo la stessa operazione. Vorremmo proseguire verso la grotta 102 ma… all’orizzonte si vede qualche nuvola dal colore strano, decidiamo di lasciar perdere e iniziare a targhettare le grotte più in basso. Scendendo riguardo alcune cavità ed effettivamente mi rendo conto che in qualcuna sarebbe il caso di ‘rimetterci il naso dentro’!

RS13

Scendiamo e in sequenza mettiamo il ‘sigillo’ a ARS28,ARS27 e ARS6 vedendo anche in questa zona altre cose da ritornare a investigare… anche se la neve sul fondo delle grotte è ancora abbondante! Ci dirigiamo verso RS11, ultimo target della giornata visto che si sta annuvolando, ma, nel tentativo di scendere il bancone calcareo  per una via più comoda, mi imbatto in un ingresso a me sconosciuto! C’è uno spit (roba vecchia quindi … GTS o SAS)… in ogni caso esce un aria della madonna! Sotto una bella stanzetta…  come sempre Mimmo becca con una pietra il pertugio giusto e…. il sasso viaggia per decine di metri verso il basso! Ok M(immo)P(aolo)F(ederico) il nuovo (per noi) ingresso è bello che pronto per essere riesplorato… ma RS11 attende e sarà per un’altra volta!

MPF

Targhettiamo pure RS11 … ed infine ci dirigiamo verso exDelta1 un ingresso impraticabile siglato non si sa da chi e iniziato ad aprire da Marchetto nel 2014,purtroppo li rimasto in attesa di qualche volenteroso… mai arrivato.

Delta1

Anche qui aria e soprattutto acqua! Un ruscelletto scende e rumoreggia in profondità… oltre la pietra che blocca l’ingresso la pila illumina un meandro che scende ripido ripido … ma del quale non si individua il fondo … i sassi rotolano fermandosi dopo un pò! Anche qui forse è da rifare un’uscita!

Cara Creta di Rio Secco mi sa che ci rivedremo molto molto presto!!! Mandiiii!!!!