Targhette in Creta di rio Secco e …. Altro.

Prosegue senza sosta la campagna di targhettatura da parte del sodalizio su questo importante altopiano carsico del Friuli Venezia Giulia. Purtroppo a causa del maltempo sono siamo riusciti a terminare il lavoro che ci eravamo imposti per questa sessione di lavoro e non siamo riusciti a raggiungere la quota prefissata per una sola targhetta!

Pazienza… tempo permettendo la prossima settimana durante il minicampo esplorativo verrà posizionata anche quest’ultima!

In compenso però una esplorazione ‘lampo’ da parte di Mimmo nell’ingresso siglato MPF ha evidenziato con un piccolo spostamento di pietre alla base del primo pozzetto che la grotta sotto continua con dimensioni ragguardevoli e, che la prossima settimana, con più attrezzature a disposizione si potrà proseguire in nuove esplorazioni.

Da notare che all’eseterno sbirciando la roccia a lato dello SPIT arrugginito, si intravede una sigla nera Delta2! Analogamente a Delta1,altro fronte di esplorazione posto esattamente dal lato opposto del grande catino della forcje dai class, anche questo ingresso è stato siglato da un gruppo sconosciuto e non vi è traccia scritta di chi sia e di cosa sia stato fatto! Di certo l’esplorazione non è neppure iniziata visto che Mimmo non ci ha messo più di un minuto ad aprire il pertugio dalla quale si intravede la prosecuzione della cavità! Con buona possibilità al tempo i due ingressi erano ostruiti da neve e ghiaccio e questo ne ha impedito l’esplorazione.

In ogni caso anche per ‘rendere giustizia’ a questi primi esploratori ci impegneremo a scoprire… dove finiscono queste nuove (per noi) cavità.